STREET ART - DEL GRAFFITI A LA PINTURA

Centro Cultural Recoleta - Buenos Aires - 7 / 21 settembre 2008
Mostra collettiva a cura di Vittorio Sgarbi e Fabio Magalhães - Catalogo Torcular

KayOne viene invitato alla mostra collettiva STREET ART - Del Graffiti a la Pintura, Italia-Argentina a Buenos Aires, organizzata dalla galleria d'arte Torcular in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia di Buenos Aires e l'Istituto di Cultura di Buenos Aires. L'inaugurazione sarà il 6 settembre 2008.





Comunicato Stampa:

Si inaugurerà il prossimo 6 settembre 2008 a Buenos Aires presso il Centro Cultural Recoleta, con il patrocinio dell’Ambasciata Italiana e dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires e all’interno del progetto Arte Italiana nel mondo, promosso e curato dal 1992 dalla Torcular, la mostra STREET ART, Dai Graffiti alla pittura, Italia-Argentina, che fa seguito a quella tenutasi presso il Museu de Arte Contemporanea USP di San Paolo del Brasile (19/12/2007 – 31/01/2008). Il progetto Street-Art pensato e curato da Vittorio Sgarbi è itinerante e il suo percorso passa, dopo San Paolo a Buenos Aires e percorre i più prestigiosi musei del continente Sud Americano. Successivamente l’iniziativa sarà presente in Messico e negli Stati Uniti d’America. Alle opere degli artisti italiani, frutto di una selezione fra i dieci più qualificati ed apprezzati, si affiancheranno opere degli artisti nati ed operanti nei paesi sedi delle esposizioni. I promotori hanno ritenuto di limitare a tre le opere di ciascun autore in modo che l’intera iniziativa si realizzi con l’esposizione di 60 opere. Gli artisti che parteciperanno al ciclo delle mostre sono i seguenti: gli italiani, Cano (Raffaello Canu), Led (Alessandro Appolonio), Leo (Leonardo Montemanni), Kayone (Marco Mantovani), Filippo Minelli, Francesco Pogliaghi, Pho (Marco Grassi), Rae Martini (Marino Martini), Verbo (Mitja Bombardieri), Wany (Andrea Sergio) e gli artisti argentini: Javier Barilaro, Maria Bedoiàn, Brook, BsAs Stensil, Mart, Ana Montecuco, Nasa, Nazza Stencil, Pum Pum, Run Don’t Walk. Ricordiamo in questa sede che l’arte di scrivere e disegnare in spazi pubblici ha trovato gradatamente sbocchi nella grafica, nella pubblicità ed è ora approdata, dopo aver passato il vaglio di critica e mercato, alle mostre in sedi prestigiose e all’attenzione di case d’aste e punti espositivi pubblici e privati di grande richiamo. Alla mostra si accompagna un documentato catalogo trilingue (italiano, inglese e spagnolo), edito dalla Torcular, con testi di Vittorio Sgarbi e Fabio Magalhães e la riproduzione a colori di tutte le opere in mostra.







Copyright © KayOne 2017. All Rights Reserved.